Consigli — 5 Min

Tende moderne? Le ragioni per cui dovresti metterle in casa

Consigli — 5 Min

Tende moderne? Le ragioni per cui dovresti metterle in casa

Le tende: la cornice delle finestre

Dovevo avere sei anni, quando vissi intensamente un’immaginaria amicizia con una bambina della mia età più o meno. Sulla vetrata di quella che allora era la mia stanza, e che dava su Calle Allende, su uno dei primi vetri della finestra – ci alitavo sopra. E con un dito disegnavo una “porta”. Per questa “porta” uscivo nella mia immaginazione, con grande gioia e in fretta, attraverso tutto lo spazio che si vedeva, fino a raggiungere una latteria di nome “Pinzón”… Attraverso la “O” di Pinzón entravo e scendevo fuori dal tempo nelle viscere della terra, dove la mia “amica immaginaria” mi aspettava sempre. Frida Kahlo
Mai come in questo ultimo anno abbiamo guardato alla finestra come Frida Kahlo, usando l’immaginazione per andare lontano e fantasticare di incontrare i nostri amici, reali o immaginari. La finestra è stata la nostra evasione, la nostra voglia di vedere oltre, di dimenticare le restrizioni che abbiamo vissuto. Questo elemento, tanto bello e importante delle nostre case, fondamentale per avere un ambiente luminoso e abitabile, è storicamente incorniciato da un altro elemento, altrettanto utile e caratteristico: la tenda.

Le tende: la cornice delle finestre

Dovevo avere sei anni, quando vissi intensamente un’immaginaria amicizia con una bambina della mia età più o meno. Sulla vetrata di quella che allora era la mia stanza, e che dava su Calle Allende, su uno dei primi vetri della finestra – ci alitavo sopra. E con un dito disegnavo una “porta”. Per questa “porta” uscivo nella mia immaginazione, con grande gioia e in fretta, attraverso tutto lo spazio che si vedeva, fino a raggiungere una latteria di nome “Pinzón”… Attraverso la “O” di Pinzón entravo e scendevo fuori dal tempo nelle viscere della terra, dove la mia “amica immaginaria” mi aspettava sempre. Frida Kahlo
Mai come in questo ultimo anno abbiamo guardato alla finestra come Frida Kahlo, usando l’immaginazione per andare lontano e fantasticare di incontrare i nostri amici, reali o immaginari. La finestra è stata la nostra evasione, la nostra voglia di vedere oltre, di dimenticare le restrizioni che abbiamo vissuto. Questo elemento, tanto bello e importante delle nostre case, fondamentale per avere un ambiente luminoso e abitabile, è storicamente incorniciato da un altro elemento, altrettanto utile e caratteristico: la tenda.

Le tende nella storia

tende moderne
La tenda accompagna l’evoluzione dell’uomo. Presente fin dal Neolitico, nasce con lo scopo di regolare l’ingresso della luce solare, di proteggere gli interni, di fornire privacy. Da dispositivi rudimentali, diventano un campo di sperimentazione e applicazione di nuove tecnologie e materiali, fino ad essere investite anche di un ruolo decorativo e simbolico.
tende moderne
Sotto Luigi XVI, le tende divennero preziosi tendaggi colorati e decorati con fantasie elaborate, a dimostrazione dell’opulenza e ricchezza della corte. Da Lione venivano disegni leggendari e sete luminose, mentre da Venezia furono importati velluti, broccati ricamati e damaschi. Nacque la mantovana, per occultare le aste e gli anelli, e successivamente vennero introdotti drappeggi e altri elementi decorativi. La tenda pomposa e voluminosa, subì una semplificazione solo con l’arrivo del movimento moderno e la nascita dello stile minimalista, ma non venne mai abbandonata come elemento protettivo e decorativo.
tende moderne
Lo stesso Le Corbusier usò le tende nei suoi progetti, trovando soluzioni eleganti e sobrie per la loro integrazione. Ne è un esempio la famosa Ville Savoye a Poissy, vicino Parigi. Una asola permette di nascondere le aste e consente alla tenda di scivolare a protezione delle grandi superfici vetrate. Oggi monumento del “Centre des Monuments Nationaux” francese, la casa è spoglia dalle tende, ma è possibile ancora vedere questa accortezza.
tende moderne
Stessa sorte per la Schröder House del 1924 a Utrecht dell’architetto olandese Gerrit Rietveld. oggi aperta al pubblico. Anche in questo caso, l’impianto originario possedeva delle tende.
tende moderne
Lussuose tende dal pavimento al soffitto adornano la Villa Tugendhat progettata dall’architetto Ludwig Mies van der Rohe e decorata con la designer Lilly Reich negli anni ’20. Sete shantung grigio-argento si alternano al velluto nero o bianco, le lunghezze semplici ed i colori neutri incorniciano un paesaggio verde.
tende moderne
Anche il riduttivista francese Jean-Michel Frank non ha mai eliminato dal suo linguaggio le tende, inserendole spesso nei suoi progetti sia residenziali che commerciali, compreso quello per il salone di moda di Place Vendôme di Elsa Schiaparelli, caratterizzato da tende drammaticamente arruffate.
tende moderne
Mentre i modernisti degli anni ’20 e ’30 stavano riducendo, ma non abbandonando del tutto, i tendaggi per le finestre, i loro coetanei tradizionalisti rimasero fedeli alle loro declinazioni pesanti di ispirazione Luigi XVI. Le sontuosità raggiunge l’apice nel XX secolo grazie al lavoro di John Fowler, cofondatore del brand Colefax and Fowler di Londra, e ai suoi discepoli tra cui l’americano Mario Buatta.
tende moderne
Più semplice lo stile di Tom Parr, che negli anni ’80 realizza per il soggiorno newyorkese di Grace, contessa di Dudley, e del suo compagno Robert Silvers, redattore capo della New York Review of Books, delle lunghe tende di chintz bianco spruzzato di rose.

Le tende nella storia

tende moderne
La tenda accompagna l’evoluzione dell’uomo. Presente fin dal Neolitico, nasce con lo scopo di regolare l’ingresso della luce solare, di proteggere gli interni, di fornire privacy. Da dispositivi rudimentali, diventano un campo di sperimentazione e applicazione di nuove tecnologie e materiali, fino ad essere investite anche di un ruolo decorativo e simbolico.
tende moderne
Sotto Luigi XVI, le tende divennero preziosi tendaggi colorati e decorati con fantasie elaborate, a dimostrazione dell’opulenza e ricchezza della corte. Da Lione venivano disegni leggendari e sete luminose, mentre da Venezia furono importati velluti, broccati ricamati e damaschi. Nacque la mantovana, per occultare le aste e gli anelli, e successivamente vennero introdotti drappeggi e altri elementi decorativi. La tenda pomposa e voluminosa, subì una semplificazione solo con l’arrivo del movimento moderno e la nascita dello stile minimalista, ma non venne mai abbandonata come elemento protettivo e decorativo.
tende moderne
Lo stesso Le Corbusier usò le tende nei suoi progetti, trovando soluzioni eleganti e sobrie per la loro integrazione. Ne è un esempio la famosa Ville Savoye a Poissy, vicino Parigi. Una asola permette di nascondere le aste e consente alla tenda di scivolare a protezione delle grandi superfici vetrate. Oggi monumento del “Centre des Monuments Nationaux” francese, la casa è spoglia dalle tende, ma è possibile ancora vedere questa accortezza.
tende moderne
Stessa sorte per la Schröder House del 1924 a Utrecht dell’architetto olandese Gerrit Rietveld. oggi aperta al pubblico. Anche in questo caso, l’impianto originario possedeva delle tende.
tende moderne
Lussuose tende dal pavimento al soffitto adornano la Villa Tugendhat progettata dall’architetto Ludwig Mies van der Rohe e decorata con la designer Lilly Reich negli anni ’20. Sete shantung grigio-argento si alternano al velluto nero o bianco, le lunghezze semplici ed i colori neutri incorniciano un paesaggio verde.
tende moderne
Anche il riduttivista francese Jean-Michel Frank non ha mai eliminato dal suo linguaggio le tende, inserendole spesso nei suoi progetti sia residenziali che commerciali, compreso quello per il salone di moda di Place Vendôme di Elsa Schiaparelli, caratterizzato da tende drammaticamente arruffate.
tende moderne
Mentre i modernisti degli anni ’20 e ’30 stavano riducendo, ma non abbandonando del tutto, i tendaggi per le finestre, i loro coetanei tradizionalisti rimasero fedeli alle loro declinazioni pesanti di ispirazione Luigi XVI. Le sontuosità raggiunge l’apice nel XX secolo grazie al lavoro di John Fowler, cofondatore del brand Colefax and Fowler di Londra, e ai suoi discepoli tra cui l’americano Mario Buatta.
tende moderne
Più semplice lo stile di Tom Parr, che negli anni ’80 realizza per il soggiorno newyorkese di Grace, contessa di Dudley, e del suo compagno Robert Silvers, redattore capo della New York Review of Books, delle lunghe tende di chintz bianco spruzzato di rose.

Tende moderne per la casa, quali tipologie?

tende moderne
La tenda oggi non ha perso il suo fascino e la sua importanza. Sebbene spesso sia uno degli ultimi aspetti affrontati in un progetto o in una ristrutturazione, ha un ruolo come abbiamo visto fondamentale nella definizione di uno spazio. Se stai affrontando il difficile compito di arredare casa, le tende sono uno dei punti essenziali che devi affrontare per evitare di fare errori (vai all’articolo dedicato).
Quali sono le tipologie più in voga ai nostri giorni? La lista è breve, ma al suo interno le declinazioni sono numerose:
  • Tende morbide o arricciate
  • Tende a rullo
  • Tende a pacchetto
  • Tende a pannello
tende moderne
Tende morbide:
Le classiche si potrebbe dire. Certamente sono le più diffuse e apprezzate. Riescono a rendere accogliente e caldo qualsiasi ambiente e stile. Le tende morbide scendono tradizionalmente sul pavimento per una lunghezza di 10-15cm o, per chi non ama questa soluzione, terminano a sfioro sul pavimento. In quest’ultimo caso, bisogna fare attenzione al tessuto del tendaggio: se di lino o di altri materiali naturali come il cotone, potrebbero accorciarsi e risultare difettose.
Dal punto di vista compositivo, sono estremamente versatili, permettendo soluzioni a singolo, doppio o triplo velo. I sistemi di ancoraggio possono essere a bastone o a binario. Le arricciature possono essere diverse: a onda, a cannoncino, baciata, piatta, con occhiello, a calice, inclinata, nel bastone.
tende moderne
Tende a rullo:
Le tende a rullo sono tipiche di ambienti minimal, di taglio maschile o da ufficio. Sono semplici da installare e pulire, riuscendo a coprire anche grandi superfici vetrate. Esistono anche tende a rullo twin che alternano una fascia coprente con una trasparente.
tende moderne
Tende a pacchetto:
Le tende a pacchetto sono un trend in crescita negli ultimi anni. Amate da molti interior designer, tra cui Kelly Wearstler che le propone in molti dei suoi progetti. Si adattano a qualsiasi ambiente, dal contemporaneo al tradizionale, a seconda dei pattern e colori scelti.
tende moderne
Tende a pannello:
Le tende a pannello sono pannelli rigidi scorrevoli (a muro o a soffitto) adatti a grandi vetrate o situazioni in cui è necessario variare la configurazione degli oscuramenti nel corso della giornata.
Abbiamo analizzato gli aspetti storici, tecnici, estetici della tenda. Abbiamo visto le tipologie di tende moderne più in voga. Possiamo concludere concordando sulla loro importanza, sul loro appeal senza tempo. Cosa sarebbero d’altronde le nostre case senza il profumo delle tende appena lavate? Senza il tintinnio degli anelli quando le apriamo la mattina per far entrare più luce? Il tessuto morbido e caldo scaldato dal sole, la loro presenza nello spazio, il loro fruscio al passare del vento.
“Nessuno capisce il cielo quanto una finestra. Nessuno capisce la luce quanto una tenda.” Fabrizio Caramagna

Tende moderne per la casa, quali tipologie?

tende moderne
La tenda oggi non ha perso il suo fascino e la sua importanza. Sebbene spesso sia uno degli ultimi aspetti affrontati in un progetto o in una ristrutturazione, ha un ruolo come abbiamo visto fondamentale nella definizione di uno spazio. Se stai affrontando il difficile compito di arredare casa, le tende sono uno dei punti essenziali che devi affrontare per evitare di fare errori (vai all’articolo dedicato).
Quali sono le tipologie più in voga ai nostri giorni? La lista è breve, ma al suo interno le declinazioni sono numerose:
  • Tende morbide o arricciate
  • Tende a rullo
  • Tende a pacchetto
  • Tende a pannello
tende moderne
Tende morbide:
Le classiche si potrebbe dire. Certamente sono le più diffuse e apprezzate. Riescono a rendere accogliente e caldo qualsiasi ambiente e stile. Le tende morbide scendono tradizionalmente sul pavimento per una lunghezza di 10-15cm o, per chi non ama questa soluzione, terminano a sfioro sul pavimento. In quest’ultimo caso, bisogna fare attenzione al tessuto del tendaggio: se di lino o di altri materiali naturali come il cotone, potrebbero accorciarsi e risultare difettose.
Dal punto di vista compositivo, sono estremamente versatili, permettendo soluzioni a singolo, doppio o triplo velo. I sistemi di ancoraggio possono essere a bastone o a binario. Le arricciature possono essere diverse: a onda, a cannoncino, baciata, piatta, con occhiello, a calice, inclinata, nel bastone.
tende moderne
Tende a rullo:
Le tende a rullo sono tipiche di ambienti minimal, di taglio maschile o da ufficio. Sono semplici da installare e pulire, riuscendo a coprire anche grandi superfici vetrate. Esistono anche tende a rullo twin che alternano una fascia coprente con una trasparente.
tende moderne
Tende a pacchetto:
Le tende a pacchetto sono un trend in crescita negli ultimi anni. Amate da molti interior designer, tra cui Kelly Wearstler che le propone in molti dei suoi progetti. Si adattano a qualsiasi ambiente, dal contemporaneo al tradizionale, a seconda dei pattern e colori scelti.
tende moderne
Tende a pannello:
Le tende a pannello sono pannelli rigidi scorrevoli (a muro o a soffitto) adatti a grandi vetrate o situazioni in cui è necessario variare la configurazione degli oscuramenti nel corso della giornata.
Abbiamo analizzato gli aspetti storici, tecnici, estetici della tenda. Abbiamo visto le tipologie di tende moderne più in voga. Possiamo concludere concordando sulla loro importanza, sul loro appeal senza tempo. Cosa sarebbero d’altronde le nostre case senza il profumo delle tende appena lavate? Senza il tintinnio degli anelli quando le apriamo la mattina per far entrare più luce? Il tessuto morbido e caldo scaldato dal sole, la loro presenza nello spazio, il loro fruscio al passare del vento.
“Nessuno capisce il cielo quanto una finestra. Nessuno capisce la luce quanto una tenda.” Fabrizio Caramagna

Iscriviti alla newsletter

Thank you for your message. It has been sent.
There was an error trying to send your message. Please try again later.

Tratteremo i dati personali che ci hai fornito in conformità con la nostra politica sulla privacy.